Gli anni ’60 - ‘80

 

 

La terza generazione afferma il proprio ruolo di protagonista sul mercato nazionale e valorizza il marchio attraverso nuove forme di comunicazione, trasformando Lavazza in sinonimo di caffè italiano. 

 

 

 

I primi anni del miracolo economico italiano vedono l’ingresso in Azienda della terza generazione della famiglia, rappresentata dai cugini Emilio e Alberto Lavazza, che rivoluzionano l’approccio commerciale e l’identità del marchio. Lavazza è tra i primi in Italia a cogliere l’importanza della comunicazione per costruire valore di marca: inizia la collaborazione con Armando Testa, da cui nascono campagne che hanno fatto la storia della pubblicità italiana, con personaggi come Caballero e Carmencita, negli anni in cui la televisione entra nelle case degli italiani.

03_img-1_70-80_x2
03_img-2_70-80_x2

Il nuovo assetto industriale, rappresentato dallo stabilimento di Settimo Torinese, inaugurato nel 1965, supporta la crescita commerciale che prosegue a ritmi vertiginosi.

L’Azienda continua a intercettare nuove tendenze e opportunità. Nel 1970, crea un nuovo standard introducendo la confezione in foglio di alluminio sottovuoto per il lancio di Qualità Rossa, miscela che da allora è sinonimo di caffè italiano.

 

Nel 1977, una svolta nella comunicazione: per la prima volta utilizza un testimonial per raccontare i suoi prodotti. Si tratta del popolare attore Nino Manfredi, che rimarrà protagonista d’indimenticabili campagne pubblicitarie televisive fino al 1993: le sue frasi – “Il caffè è un piacere, se non è buono che piacere è”, “Più lo mandi giù, più ti tira su” – entrano a far parte del linguaggio comune degli italiani.

Gli anni ‘80 segnano un passaggio cruciale: l’Azienda inizia un processo d’internazionalizzazione aprendo sedi nei principali paesi europei e investe nell’innovazione per ampliare ulteriormente i canali di vendita e consumo.

 

Una vera e propria intuizione imprenditoriale, nel 1989, è quella di investire, come prima società italiana, nell’acquisizione dell’azienda Uno Per, che all’epoca produceva l’omonima macchina monodose a capsula.  Grazie a un attento lavoro di Ricerca e Sviluppo su questo modello, nascerà il primo sistema proprietario a capsule Espresso Point, soluzione per gli uffici che darà il via a un business completamente nuovo destinato a durare negli anni.